L’ACCETTAZIONE

Una storia parla di un maestro spirituale il quale possedeva una magnifica collezione di prismi che teneva appesi alle finestre del suo soggiorno. Uno studente, pulendole, fece cadere i prismi che andarono in pezzi sul pavimento. L’allievo era terrorizzato e sconvolto. Il maestro entrò, vide cos’era accaduto, si fermò un momento e poi scoppiò a ridere. Lo studente era esterrefato. “Va tutto bene” esclamò il maestro, “li collezionavo per gioirne, non per soffrirne”.

 

In questa storia, il maestro dimostra che possiamo trovare noi stessi nel bel mezzo di una caduta, e anzichè tenderci resistendo, possiamo lasciarci andare, accettare quel che sta succedendo e trasformare uno spaventoso capitombolo in un tuffo aggraziato.

 

L’ACCETTAZIONE NON E’ DIFFICILE.
E’ tanto semplice quanto lasciar uscire un lungo respiro e rilassare tutti i muscoli del corpo. E’ la resistenza che è difficile. Lottare contro la vita, andare contro la propria inclinazione è arduo.